Translate

domenica 21 aprile 2013

Le convulsioni di un corpo già morto

Napolitano rieletto e nomi stancamente conosciuti per la prossima poltrona di Primo Ministro. Non so come si evolveranno le cose da ora in poi, ma non credo vi sia di che gioire. Se anche si riuscirà a varare un governo, a mio avviso questo rappresenterà la vittoria tattica, e costosissima, di un disegno scellerato che ha sistematicamente anteposto le larghe intese rispetto al desiderio, conclamatissimo, di cambiamento espresso dal corpo elettorale. Una vittoria di uno status quo in avanzato stato di decomposizione e pericoloso, come ogni carogna che si rispetti. E allora, non trovando alcuno stimolo positivo in questa macabra danza di morti viventi, preferisco guardare un po' più avanti, verso un cammino incerto, ma imprescindibile che spero ardentemente si saprà imboccare.


Frequentando i social forum mi sono imbattuto in grande costernazione, smarrimento e sconcerto da parte degli elettori del PD. Quasi tutti stanno provando avversione verso la dirigenza di quel partito, declinata secondo la propria peculiare visione naturalmente, ma abbastanza concordi nel valutare come fallimentare l'azione (?!) fin qui espressa dal Partito Democratico. 

Occasionalmente però mi capita di incontrare anche qualcuno che, incredibilmente, si ostina ad individuare punti di positività nello psicodramma a cui, increduli, abbiamo assistito.

A mia volta sono (sono stato?) un "ostinato" elettore del PD e, fino a qualche settimana fa, pur cogliendo i sinistri presagi che si stavano addensando, avrei tenuto il punto con la stessa ostinazione che ho individuato in questi inguaribili ottimisti (od organici all'establishment magari), ma qui siamo andati ben oltre. 

Non è più questione di tattica o di contenimento di questo o di quello. Quella logica, a partire dal contenimento delle contraddizioni interne, mai affrontate e quindi mai risolte, ci ha portati a non avere iniziativa ed autonomia, a subire ogni tipo di influenza e di proposta altrui, a non poter esprimere alcuna visione in maniera coerente e, quindi, a perdere tutto, le elezioni, la capacità di incidere sulla scena, la decenza e, infine, il rispetto di noi stessi.

Ben venga la scissione, tanto siamo già divenuti marginali, meglio rifare tutto da capo, ma espellendo i "padroni di labrador" ed i vecchi mandarini. 
Nei partiti, soprattutto nel PD, vi è già una larga rappresentanza di gente giovane e dotata, molto spesso, di retroterra culturali rilevanti, esperienze di respiro internazionale e che, soprattutto, sono il prodotto di un tempo dove la cifra non sono i grandi partiti di massa o le vaste schiere della classe operaia, la confidenza in un futuro inevitabilmente progressista e progressivo. 
Per loro la cifra è recessione, precarietà e dibattito sul futuro modello di sviluppo, saranno loro ad avere la capacità di interpretare al meglio il loro ruolo o gente come me (ho quasi 59 anni), cresciuta in un mondo ora perduto? 
Io, ed i miei coetanei, dobbiamo prenderci la responsabilità di metterci di lato, fornire appoggio e testimonianza, ma sono loro a dover decidere del loro futuro. Per fare ciò però bisogna saper individuare il fetore della putrefazione, seppellire la cara salma e ricominciare da capo declinando antichi valori su nuove situazioni.

A noi il compito di trasmettere i valori, a loro il compito di costruire il futuro.


Nessun commento:

Posta un commento

Ti ringrazio per aver voluto esprimere un commento.