Translate

giovedì 15 settembre 2016

Chi semina virtù fama raccoglie. (L. da Vinci)

Oggi ho sostenuto una discussione, sulla pagina FB di un'amica, circa i pregi (presunti) e i difetti (negati) di M5S, e ho definitivamente compreso che la rinascita di una sinistra politica organizzata, efficace e rappresentativa non è al momento un'ipotesi verosimile.

Questo è dovuto essenzialmente a tre elementi concomitanti:


  • il PD, che ha compiuto la sua trasformazione genetica divenendo definitivamente una formazione di centrodestra al servizio delle istanze neoliberiste, continua a pretendere di occupare la nicchia politica della sinistra, caricandola del peso mortale del discredito che la conduzione renziana accumula a piene mani;

  • la  sinistra-sinistra, tutta presa da talmudiche discussioni su ogni cosa, dottrina, tattica, strategia e sulla convenienza/giustezza di aperture verso il PD (sic!), e come sempre ostaggio di propensioni egemoniche, si segnala per l'incapacità ormai assodata di uscire da metodologie verticistiche, dove programmi e consultazione del proprio popolo risultano variabili dipendenti e non strettamente necessarie;

  • M5S attua coerentemente la prassi populista; indica il puzzone, e qui la concorrenza collabora entusiasticamente, fa mostra di superiore virtù, capta la benevolenza della gente dicendo le "cose giuste", ma evitando se possibile di finalizzare dato che la trasversalità del consenso raccolto non si presta a soluzioni praticabili senza grossi inconvenienti, e rintuzza ogni critica col semplice espediente di ricordare che gli altri sono peggio.

Una fetta consistente del popolo di sinistra, esasperato e messo all'angolo, abbandona il PD, che è evidentemente il problema, si allontana stranito da una sinistra che non sa ancora che fare da grande e si butta sul movimento che pare essere l'unica alternativa.

Quali elementi di riscontro vanta questa fiducia perfino commovente? Su cosa si basa questa rocciosa convinzione? 
Su nulla in realtà. La gente è disperata e in altri momenti storici avrebbe già dato la stura a vasti sommovimenti di piazza.  Ma oggi mancano i soggetti in grado di organizzare il dissenso, non ci sono più partiti interessati a farlo e i corpi intermedi, da lungo tempo sotto assedio, o sono ininfluenti e marginalizzati o sono piuttosto "collaborativi", mentre i vari esperimenti della sinistra non renziana non riescono mai ad uscire dal recinto degli scazzi preliminari, salvo poi meravigliarsi della scarsa rappresentatività.
Quel popolo, privato della capacità di mobilitazione, in pratica si è voluto convincere che il movimento saprà riempire il vuoto che lo ha reso vittima della degenerazione piddina.

Molti compagni si sono risolti a scommettere su M5S, anche se per il momento abbiamo solo quello che i grilliani dicono di voler fare, alcune amministrazioni comunali alquanto opinabili (di cui l'unica un poco presentabile, Parma, è retta dallo scomunicato Pizzarotti) e la stentatissima giunta Raggi che ancora si cincischia con personaggi di area alemanniana.

Mi è stato opposto che basta esaminare le proposte di legge pentastellate, in sede nazionale ed europea, per verificare la pregnanza del contributo grilliano, e le 
proposte parlamentari ci sono in effetti e fanno anche una bella figura, ma siccome M5S è stato minoranza ovunque (e dove è maggioranza sono più le ombre funzionali che le luci) e non intende promuovere alleanze anche solo di scopo con altre forze politiche, ne consegue che quelle belle proposte sono puro marketing politico, buono solo a captare la benevolenza di chi è assai giustamente disgustato dal PD, e finora non hanno sortito quasi nulla.

Intanto a suo tempo ho preso atto dell'estrema ambiguità della posizione pentastellata, detta, contraddetta, smentita, riconfermata e poi opportunamente dimenticata su una cosuccia come l'immigrazione, per esempio.

Del resto se vai a far spesa elettorale pescando a destra e sinistra (con la copertura della grandissima corbelleria del superamento di quelle categorie), poi fai fatica a prendere posizioni coerenti sui grandi temi.
E infatti picchiano solo su temi aggreganti e di denuncia: il PD, che è un verminaio ributtante e la politica in generale. 
Ottimo e anche giusto, ma a indicare il puzzone ci arriviamo tutti, mentre sui provvedimenti i concetti di destra e sinistra esistono, eccome se esistono.

Io penso vi siano gli estremi evidenti di un mero investimento sulla fiducia e trovo la cosa abbastanza rischiosa, pur se giustificata dalla situazione contingente.
Il movimento, grazie principalmente allo sfascio piddino, si accinge a vincere, dopo diverse elezioni comunali, anche quelle politiche generali, e non sono sicuro che la cosa renda i sonni tranquilli allo stato maggiore grilliano (la Senatrice Taverna, alla vigilia delle elezioni per il Comune di Roma, dichiarava che era in atto un complotto per farli vincere).

M5S é una forza di opposizione efficacissima, come solo il populismo sa essere, ma governare significa prendere decisioni e non mi sembrano molto attrezzati a farlo.     Nel frattempo svuota efficacemente l'elettorato di sinistra, e non è neanche tutto colpa o merito suoi.


venerdì 2 settembre 2016

Ma non è una cosa seria

Contemplo con invincibile disincanto le prodezze della nostra classe dirigente, in particolare quella politica, e mi dico che è inadatta alla bisogna e irrecuperabile.

Ascolto i discorsi a braccio del guappo di Rignano, subisco i balletti delle cifre sull'occupazione e la fiducia dei consumatori, assisto alle contorsioni di chi è contro la riforma costituzionale - ma fino a un certo punto - ed è alla ricerca del dito dietro cui nascondersi (rettifica dell'Italicum per esempio), esamino la guardinga trattazione del dopo terremoto, e mi chiedo quanto potrà essere differente dalla gelida indifferenza istituzionale sperimentata in occasione di quello dell'Emilia, e ascolto orripilato le corbellerie simil-fasciste della titolare della Sanità sul fertility day.

Questa ultima prodezza dell'ineffabile Lorenzin, in particolare, mi richiama alla mente la peggiore e più inossidabile abitudine dei timonieri italici, e della loro corte di miracolati, ovvero il vezzo insopprimibile che porta questi amministratori in sedicesimo a predisporre immancabilmente i peggiori ostacoli possibili al conseguimento di qualsiasi obiettivo, salvo poi addossarne la responsabilità non alla loro incompetenza o a inconfessabili maneggi e narrazioni ideologiche al servizio di precisi interessi, bensì alle vittime della loro protervia: i semplici cittadini.

Sarebbe pleonastico ricordare alla ministra che più delle considerazioni sul tempo che fugge, con depauperamento inesorabile degli ovociti, e richiami ad antiche, squalificate e fascistoidi suggestioni sulla donna fattrice e relativa ragion d'essere esistenziale, sarebbero enormemente più efficaci retribuzioni adeguate, rapporti di lavoro stabili e persistenti, ma soprattutto servizi adeguati, capillari e accessibili, sul tipo degli asili e nidi d'infanzia sventolati dal suo, e nostro ahimè, primo ministro quando doveva sbaragliare la concorrenza alle primarie, sventolati e poi prontamente dimenticati, una volta agguantata la segreteria del partito.

Sarebbe pleonastico, e anche inutile, perché a questa gente non importa nulla, dato che non possono ignorare che chi mette al mondo figli lo fa solo se è in grado di esprimere un progetto di vita, mentre la gran parte della gente è ridotta a vivere alla giornata ed aspettare un'improbabile alba che metta fine a questa notte tormentosa e buia.

E infatti non lo ignorano, ma la pratica del cornuto e mazziato, del rimbalzare su altri le proprie responsabilità è sempre gettonatissima e funziona, fino a quando la gente non capisce che il proprio deretano ha oramai toccato il fondo, e più in basso di così non può più andare.

Nell'imminenza del ferale anniversario dell'8 settembre, mi torna alla mente la biografia, redatta da Silvio Bertoldi, di uno dei peggiori di questi grandi uomini all'italiana, quel Badoglio che assieme al re fellone Vittorio Emanuele III, consentì a Mussolini di gettarci nel più profondo baratro della nostra storia, e che al momento giusto seppe sbagliare tutto, principalmente per ignavia, portandoci a un passo dalla dissoluzione, mentre la nostra nazione era ancora meno che centenaria.
.. .
In particolare mi torna in mente questo passo, riferito al Maresciallo d'Italia, ma applicabile alla gran parte dei nostri statisti e ai loro comprimari:
.

«Ma non proprio questa ambiguità [la mancata denuncia dello stato di impreparazione delle Forze Armate nell'imminenza della guerra NdR] gli rimproverarono in tanti, la faciloneria nell'assumere incarichi e la precipitazione nello sconfessarli, vedendoli fallire? Non sarà la riprova della misura in cui quest'uomo riuniva talvolta in sé certi gravi difetti dell'italiano: la supponenza, il gerarchismo, l'adulazione, il carrierismo, la mancanza di disciplina interiore. di cultura, di senso dei propri limiti, di rispetto dei valori ideali, perfino di immaginazione