Translate

venerdì 14 luglio 2017

Zuppa e pan bagnato.




Michele Pizzolato, noto sostenitore pentastellato con un certo seguito su Facebook, negli ultimi tempi è realmente incontenibile e si abbandona a numerosi post che denunciano la sua crescente omologazione al superamento di destra e sinistra, riservando lo sbandieramento della sua passata consonanza con la sinistra al contenimento dialettico dei suoi critici di quel versante politico.


Molta impressione, ma dovrei dire senso, mi ha fatto la sua recente asserzione circa il
fatto che il M5S ha elettori sia di destra sia di sinistra: è un comitato di liberazione da PD e FI che governano malissimo da 30 anni, che io vivo come una sua franca ammissione di colpa.



Oggi, pimpante e trionfante, si compiace del fatto che Pisapia non si candidi e ne approfitta per sottolineare che non esiste alcun partito oggi di sinistra [.....] Che un partito che prende il 2% ha qualche problemino a rappresentare il popolo  [....] e che senza popolo [è] dura fare la sinistra.

L'unico aspetto sul quale concordo è che effettivamente il PD non è più sinistra da un bel pezzo, ma certo non posso convenire sul fatto che l'unica possibilità di non fare trionfare il campo della destra (PD - FI - Pisapia - Lega) sia M5S, dato che la gran parte delle sue recenti, ma anche molte più datate, prese di posizione sono incontrovertibilmente sintonizzate sui temi cari a Lega e qualunquisti vari, nei termini da questi prediletti, o perlomeno non pregiudizialmente rifiutati.

M5S è, stando ai sondaggi, il primo partito della  minoranza dell'elettorato, essendo la maggioranza renitente al voto.  Questo significa che il movimento fornisce una risposta parziale, e sostanzialmente minoritaria, ben lontana dalla rappresentatività che rivendica.

L'esercito dell'astensione è andato ingrossandosi dopo le ultime ormai lontane politiche, in contemporanea con il progressivo e inarrestabile dimagrimento del PD, un effetto che indubbiamente mette i due dati in stretta correlazione.

M5S ha inizialmente fatto spesa anche presso il popolo di sinistra, ma ora molti di quei transfughi sono quantomeno perplessi e credo che stiano cominciando a togliersi, anche se il movimento non se ne accorge, ancora, perché sta avendo successo a destra, o forse se ne è accorto, ma non vede ragioni per dolersene, essendo l'elettorato di destra meno esigente e, in prospettiva, un investimento più pagante.

Nella buona sostanza credo che ci sia un bacino potenziale di elettorato di sinistra che attende la comparsa di un'opzione praticabile, anche se quella comparsa è tutto tranne che scontata.
Intanto prendo atto che i maggiori detrattori della cosa di sinistra sono PD e M5S, e ciò ha un senso, dato che se decollerà non potrà che avvenire a loro spese, e del resto ai più attenti non può sfuggire il fatto che la creatura politica grilliana ha sempre orientato, e fin dall'inizio, il grosso della sua artiglieria propagandistica contro il versante sinistro dell'emiciclo, riservando al centro destra sparsi comunicati di circostanza e di virulenza sostanzialmente inferiore.


Io faccio parte di quel popolo di sinistra che non ha al momento alcuna rappresentanza, e non mi sento isolato, anzi so di essere in numerosa e qualificata compagnia.
Nulla, assolutamente nulla mi indurrà a votare PD, o qualche inconcludente relitto di una sinistra risikara e politicista, per non parlare di ridicoli pontieri di disturbo, il cui scopo reale è interdire lo sviluppo di un'alternativa di sinistra, ma altrettanto certamente nulla mi indurrà mai a votare M5S, sintesi post politica tra Uomo Qualunque, Partito Radicale d'antan e IDV, tutte creature accomunate da robuste caratteristiche di viscerale anticomunismo, unite a istanze della destra sociale del fascismo primigenio e sansepolcrista, quello antipolitico e ancora suggestionato dalla sua germinazione teratogena dal corpaccione di quel partito socialista che di lì a poco avrebbe subito la scissione livornese.

Questo paese è sostanzialmente il terreno di gioco al momento indisturbato di una destra molto variegata.    In campo non ci sono visioni diverse della società, ma solo declinazioni differenti  di un liberismo che oscilla tra l'anodino cinismo di una oligarchia ben pasciuta, e la scomposta mistificazione di un populismo che naviga a vista.

Non sono in grado di contrastare questo stato di cose, ma certo non collaborerò con voti di circostanza al mio stesso martirio.

Nessun commento:

Posta un commento

Ti ringrazio per aver voluto esprimere un commento.