Translate

sabato 6 maggio 2017

Tra i due mali....... sei comunque dannato!




Votate per Macron. Con la stessa energia ed entusiasmo con cui ci opporremo a lui quando sarà eletto.

Capisco lo spirito col quale Varoufakis pronuncia questa esortazione, ma non so se sarei capace di aderirvi, non in Francia intendo, dove la cosa ha un senso, ma qui da noi, con quel consiglio calato nella nostra realtà dai nostrani ragionevoli in servizio permanente effettivo.


Qui purtroppo, a fronte di sistemi elettorali, proposte politiche e protagonisti differenti, e con nessuno, proprio nessuno, in grado di opporsi con entusiasmo ed energia all'alternativa ad una autarchica Le Pen polenta e osëi, quel consiglio risulta suggestivo, ma irricevibile.

Quell'alternativa difensiva potrebbe essere costituita solo da chi ci ha già martirizzato con lo smantellamento dello Statuto dei Lavoratori, con tentativi di riassetto istituzionale semi-autoritari, e la sottomissione ai desiderata teutonici di un'Europa cui il guappo di Rignano oppone solo simulacri rituali di fastidio, una specie di teatro kabuki dell'orgoglio italico.

Oppure potrebbe essere quell'altro equivoco nazionale, araldo di una democrazia digitale sistematicamente negata nella pratica, macchina da guerra mirabilmente efficace nella denuncia e indeterminata ed opaca sul piano della proposta di governo.

E a queste due alternative, chi si dovrebbe opporre con entusiasmo ed energia e con qualche speranza di ottenere qualcosa? Quale delle piccole schegge di una fu-sinistra che popolano il panorama politico? Chi fra gli stati maggiori in transumanza tra sigle, in cerca di eserciti da comandare, dediti all'autoascolto onanistico?

Perché è indubbio che senza un portatore vivo e vitale di entusiasmo ed energia, io posso solo scegliere il tipo di agonia che mi attende. O la morte violenta di un neofascismo sostanziale, xenofobo e isolazionista, o la bollitura a fuoco lento di una sinistra di governo, che esprime in realtà le ragioni di un neoliberismo incurante della persona umana, o la patacca di un populismo che raccatta consensi a destra e a manca, curando di evitare come la peste di fronteggiare le contraddizioni sulle quali campa, in attesa di franare sotto il loro peso quando non potrà più addossarne la responsabilità ad altri.

Lo so! L'astensione non costituisce una soluzione, ma d'altra parte io non ho soluzioni da proporre, e sono anche un po' infastidito da chi mi sventola davanti al naso gli inefficaci simulacri gabbati come tali, confondendo il fare purchessia col risolvere.

E certo ad indispettirmi non è Varoufakis, che cala il suo messaggio in un contesto, quello francese, nel quale la sinistra mostra perlomeno segni di ripresa. No, chi mi fa saltare la mosca al naso è chi pensa che l'esibizione di una volitività priva di verosimiglianza possa occultare il vuoto pneumatico che dovrebbe opporsi, scampato il pericolo, al contravveleno votato in emergenza, in un tatticismo d'accatto che già ci è costato carissimo in passato.

Si, tatticismo! Perché se dietro vi fosse un disegno strategico plausibile, con i debiti presupposti, le adeguate risorse e la necessaria credibilità, con un programma definito, attendibile e condivisibile, o perlomeno la promessa verosimile di un suo inverarsi, allora io voterei chiunque, consapevole che si tratterebbe di un punto di passaggio sgradevole in un processo che potrei condividere.

Ma così non è! Non c'è nulla in grado di opporsi con entusiasmo ed energia all'insediarsi del pifferaio di Hamelin, neoliberista o populista, che ci salverà dai topi di fogna neofascisti. O quantomeno non c'è nessuno che, in questo momento, offra qualche prospettiva di poter contrastare, o perlomeno impensierire, un eventuale Macron de noantri.

L'unica speranza è che, al momento del voto alle prossime politiche, si condensi a sinistra qualcosa che si possa definire, seppure con disperato ottimismo, promettente. Solo che dovremmo smetterla di cincischiarci, stante la vicinanza di quel passaggio elettorale, e cominciare a fare sul serio.

Nel frattempo però eviterei di sventolare la concretezza di Varoufakis, arruolato ad uso e consumo di una realtà per la quale sospetto che il buon Yaris utilizzerebbe parole completamente differenti.


Le scelte giuste vengono dall’esperienza, e l’esperienza viene dalle scelte sbagliate.   (Arthur Bloch) 
 

Nessun commento:

Posta un commento

Ti ringrazio per aver voluto esprimere un commento.